Gli italiani e le automobili
 

Impianto GPL Lovato? Ahi, ahi, ahi...

Cordy 2 Ott 2017 16:49
Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
pensare ad un nuovo impianto?

http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/

--
Ciao!
Stefano
Roberto Deboni DMIsr 3 Ott 2017 10:17
On 02/10/17 16:49, Cordy wrote:
> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
> pensare ad un nuovo impianto ?
>
>
http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/

Perche' un nuovo impianto ?
O intendeva di rinunciare al gas ?
(quale poi, GPL o metano ? o ambedue ?)

Commento criptico.

Riguardo la vicenda, leggo:

"L’anno scorso [ndr. Lovato Gas] ha chiuso il bilancio
in utile per 600mila euro."

Evidenzio: sul prezzo di acquisto di 58,2 milioni
equivale ad un utile del 1%, che non e' affatto
male di questi tempi. Sicuramente un tale livello
non indica un settore in crisi.

Leggo:

"... il gruppo Landi acquistò la Lovato Gas alla fine del 2008.
A quel tempo, l’azienda vicentina era il terzo operatore mondiale
nel settore dei sistemi di alimentazione a Gpl e metano per
autoveicoli. In altre parole, era uno dei due principali
concorrenti della Landi Renzo."

Evidenzio: "mondiale".


Dato di fatto:

Il GPL costa poco piu' di un terzo della benzina con un
equivalenza netta (considerando anche il peso dell'impianto)
in termini di percorrenza.

Dato di fatto:

L'Italia e' in testa in termini come mercato interno del
settore.

Dato di fatto:

Gli incentivi per la trasformazione a metano e GPL delle auto
sono rinnovati anche per il 2017

<http://www.auto.it/news/green/2017/02/01-697769/gpl_e_metano_gli_incentivi_icbi_rinnovati_per_il_2017/?cookieAccept>

Nel 2013 viene indicato come l'unico settore auto in crescita:

<http://www.aurelia-autocarri.it/greenpower/energia-pulita/auto-a-gas>

A livello mondiale c'e' una forte crescita in Polonia e Turchia,
anche se in un altro paese, Corea del Sud, pare che ci sia
un costante declino (causa una tariffa del GPL cresciuta).
Ma in India ci sono tendenze verso la crescita.

Nel complesso mondialmente ci sono stime di crescita:

<http://www.prnewswire.com/news-releases/global-cng-and-lpg-vehicle-market-expected-to-grow-at-101-cagr-during-2016---2022-ps-market-research-596508571.html>

"Global CNG and LPG Vehicle Market Expected to Grow
at 10.1% CAGR During 2016 - 2022"

+10% ? Il miraggio per l'industria italiana in generale.
Ma una realta' per il settore GPL e metano copmresso.

Quindi niente crisi, ma il sospetto di una operazione
da lungo programmata.


Se gli azionisti vogliono vendere una azienda sana, non c'e'
nulla da fare, salvo sganciare "soldini". Leggo che l'azienda,
con 60 anni di storia, occupava 90 lavoratori.
Se una azienda viene acquistata da un fondo di investimento
o, meglio, da una azienda in cui il prodotto si integra
in un altro prodotto dell'azienda acquirente, e' una cosa.

Ma se ti acquista il tuo maggiore concorrente, qualche
domandina, come "sindacalista" dovresti fartela. Forse la
dirigenza ha capito il pericolo, ma nel clima italiano del
tutti contro tutti (ricordate, la mentalita' da "familisti")
figurati se gli operai ascoltano i dirigenti.

C'e' un conto facile da fare:

58'200'000 / 90 = 646'667 euro/dipendente

questo e' quanto e' stato stimato e pagato come valore
dell'azienda. Indubbiamente un problema per l'acquisto da
parte dei lavoratori e sta a dimostrare nel contempo che:
- e' stata pagata profumatamente
- possedeva qualcosa di grande valore

Oggi, con la chiusura diventa evidente in cosa consisteva
il suo grande valore: non erano i dipendenti, ma la sua
quota di mercato.
Cordy 3 Ott 2017 11:58
Il 03/10/2017 10:17, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On 02/10/17 16:49, Cordy wrote:
>> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
>> pensare ad un nuovo impianto ?
>>
>>
http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/
>>
>>
>
> Perche' un nuovo impianto ? O intendeva di rinunciare al gas ? (quale
> poi, GPL o metano ? o ambedue ? >
> Commento criptico.

Mi spiego meglio. Chi oggi ha un'auto con montato un impianto Lovato,
potrebbe sperimentare qualche difficoltà, in caso di problemi, a trovare
una soluzione.
Il consiglio (implicito) è di NON montare prodotti di quella marca.
Anche perché eventuali stock di magazzino è meglio che vengano dirottati
nel mercato ricambi, che, cessando la produzione, non verrà più alimentato.

>
> Riguardo la vicenda, leggo:

Nulla di nuovo, in Italia, purtroppo. Non essendo un ragazzino, mi
permetto di dire che era facilmente sottoscrivibile quel che Lei scrive qui:

> Ma se ti acquista il tuo maggiore concorrente, qualche domandina,
> come "sindacalista" dovresti fartela. Forse la dirigenza ha capito il
> pericolo, ma nel clima italiano del tutti contro tutti (ricordate, la
> mentalita' da "familisti") figurati se gli operai ascoltano i
> dirigenti.

Purtroppo, le cose si sanno solo quando sono già state fatte. A quel
punto, sindacati e dirigenti possono solo cercare di "vendere"
l'accaduto ai loro "protetti" o "diretti".
Aggiungo che purtroppo, in Italia, i sindacati hanno cessato molti e
molti anni fa, di fare gli interessi dei lavoratori. Ma sarebbe un
discorso lungo ed OT, in questo contesto.
Aggiungo solo che sui luminosi e progressivi scenari futuri del mercato
dell'auto a gas (metano o GPl, poco importa, essendo tecnologie
similari), nutro più di una perplessità. Ma è un fatto mio personale.
Credo che la tecnologia ci stia portando in una direzione diversa e che
il mercato del gas tenderà sempre più a ridursi, rimanendo comunque una
nicchia, per quanto interessante per aziende piccole.
Dato l'accaduto, temo che Landi possa fare la fine che, in tutt'altro
settore di mercato, ha fatto RDB: dopo essersi comprata (per chiuderli)
i suoi principali concorrenti, ha a sua volta dichiarato il fallimento,
nel giro di pochi anni. Nel caso di RDB, nulla di casuale, secondo me.
Ma spero di sbagliarmi.
Nel caso di Landi non ho elementi di fatto, se non un evento davvero
molto simile a quel che già ho visto da molto vicino (per mia fortuna,
non dal di dentro, ma quasi).

>
> C'e' un conto facile da fare:
>
> 58'200'000 / 90 = 646'667 euro/dipendente
>
> questo e' quanto e' stato stimato e pagato come valore dell'azienda.

Per comprare quote di mercato mi sembra una follia...

> Indubbiamente un problema per l'acquisto da parte dei lavoratori e
> sta a dimostrare nel contempo che: - e' stata pagata profumatamente -
> possedeva qualcosa di grande valore
>
> Oggi, con la chiusura diventa evidente in cosa consisteva il suo
> grande valore: non erano i dipendenti, ma la sua quota di mercato.
>

Spero che sia utile almeno per quello. Ci sono modi meno costosi di
comprare quote di mercato... e comunque non penso che le sinergie siano
tali da far guadagnare quella cifra a Landi, nemmeno in prospettiva
pluriennale. Vedremo.
GigioTD 4 Ott 2017 09:59
Il giorno lunedì 2 ottobre 2017 16:49:48 UTC+2, Cordy ha scritto:
> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
> pensare ad un nuovo impianto?

Capirai, i componenti sono tutti uguali...
Roberto Deboni DMIsr 4 Ott 2017 14:24
On 03/10/17 11:58, Cordy wrote:
> Il 03/10/2017 10:17, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>> On 02/10/17 16:49, Cordy wrote:
>>> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
>>> pensare ad un nuovo impianto ?
>>>
>>>
http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/
>>>
>>>
>>>
>>
>> Perche' un nuovo impianto ? O intendeva di rinunciare al gas ? (quale
>> poi, GPL o metano ? o ambedue ? >
>> Commento criptico.
>
> Mi spiego meglio. Chi oggi ha un'auto con montato un impianto Lovato,
> potrebbe sperimentare qualche difficoltà, in caso di problemi, a trovare
> una soluzione.

Suppongo che in vita sua non abbia mai avuto un auto a gas ?

> Il consiglio (implicito) è di NON montare prodotti di quella marca.
> Anche perché eventuali stock di magazzino è meglio che vengano dirottati
> nel mercato ricambi, che, cessando la produzione, non verrà più alimentato.

Quali ricambi ? Secondo lei, come e' fatto un impianto gas
(elenco componenti principali).

...snip...

> Aggiungo che purtroppo, in Italia, i sindacati hanno
> cessato molti e molti anni fa, di fare gli interessi
> dei lavoratori.

Da imprenditore, rimpiango i sindacati che usavano il bastone
verso i crumiri. Ovviamente perche' i sindacati di oggi sono
strumentali ad un tipo di imprenditoria che urta la mia
sensibilita' libertaria ed umana.

...snip...

>> C'e' un conto facile da fare:
>>
>> 58'200'000 / 90 = 646'667 euro/dipendente
>>
>> questo e' quanto e' stato stimato e pagato come valore dell'azienda.
>
> Per comprare quote di mercato mi sembra una follia...
>
>> Indubbiamente un problema per l'acquisto da parte dei lavoratori e
>> sta a dimostrare nel contempo che: - e' stata pagata profumatamente -
>> possedeva qualcosa di grande valore
>>
>> Oggi, con la chiusura diventa evidente in cosa consisteva il suo
>> grande valore: non erano i dipendenti, ma la sua quota di mercato.
>>
>
> Spero che sia utile almeno per quello. Ci sono modi meno costosi di
> comprare quote di mercato... e comunque non penso che le sinergie

Non c'era alcuna sinergia tra la Landi e la Lovato.
Erano esattamente lo stesso tiop di azienda.

...snip...
Corrado Roma 4 Ott 2017 14:37
> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
> pensare ad un nuovo impianto?
>
>
http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/
lascia perdere la puzza di gas. l'unica Lovato interessante è questa:
https://it.wikipedia.org/wiki/Demi_Lovato
8tto 4 Ott 2017 14:40
Corrado Roma wrote:
>> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
>> pensare ad un nuovo impianto?
>>
>>
http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/
> lascia perdere la puzza di gas. l'unica Lovato interessante è questa:
https://it.wikipedia.org/wiki/Demi_Lovato
Che prosciutti.

--
8tto (46,150+73+32+36,MI)
Picasso reloaded driver.
Corrado Roma 4 Ott 2017 14:49
>> lascia perdere la puzza di gas. l'unica Lovato interessante è questa:
https://it.wikipedia.org/wiki/Demi_Lovato
> Che prosciutti.
robba bbona:-)
Cordy 4 Ott 2017 14:54
Il 04/10/2017 14:24, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
> On 03/10/17 11:58, Cordy wrote:
>> Il 03/10/2017 10:17, Roberto Deboni DMIsr ha scritto:
>>> On 02/10/17 16:49, Cordy wrote:
>>>> Se avete dotato di un impianto GPL Lovato la vostra auto, è ora di
>>>> pensare ad un nuovo impianto ?
>>>>
>>>>
http://www.reggionline.com/la-landi-chiude-lovato-pagata-58-milioni-9-anni-video/

>>>>
>>>>
>>>>
>>>>
>>>
>>> Perche' un nuovo impianto ? O intendeva di rinunciare al gas ? (quale
>>> poi, GPL o metano ? o ambedue ? >
>>> Commento criptico.
>>
>> Mi spiego meglio. Chi oggi ha un'auto con montato un impianto Lovato,
>> potrebbe sperimentare qualche difficoltà, in caso di problemi, a trovare
>> una soluzione.
>
> Suppongo che in vita sua non abbia mai avuto un auto a gas ?

Supposizione errata. La prima era del 1984. L'ultima l'ho ceduta l'anno
scorso.

>
>> Il consiglio (implicito) è di NON montare prodotti di quella marca.
>> Anche perché eventuali stock di magazzino è meglio che vengano dirottati
>> nel mercato ricambi, che, cessando la produzione, non verrà più
>> alimentato.
>
> Quali ricambi ? Secondo lei, come e' fatto un impianto gas
> (elenco componenti principali).

Iniettori, disponibili sul libero mercato ricambi, a meno di qualche
eccezione.

"Polmone", per usare il termine corrente per definire il riduttore, di
solito marca e modello vengono registrati sul libretto di circolazione,
in fase di collaudo. Es.: riduttore marca Lovato mod. RGE090. In caso di
guasto o si trova quello o si deve rifare la visita in motorizzazione.

Centralina. Di solito anche lei prodotta per quel modello d'impianto.
Per non parlare del software e dei software usati dai meccanici per la
messa a punto (da aggiornare secondo le nuove necessità, ad esempio
perché cambiano le versioni di Windows su cui girano).

Tubi, più o meno standard, cavi e connettori idem, spesso in cablaggio
dedicato, oltre a fusibili e qualche relé.

Serbatoio (contenitore e sistemi di prelievo del carburante, il primo di
solito più o meno standard, il secondo non sempre, in particolare il
sistema multivalvola).
Se ci fosse da sostituire il polmone, potrebbe rivelarsi un problema.
Idem per la centralina. Per la multivalvola forse si o forse no.

> Non c'era alcuna sinergia tra la Landi e la Lovato.
> Erano esattamente lo stesso tiop di azienda.

Beh, esistono fattori come le economie di scala, da considerare. Non
sono un produttore ma un ex utente, quindi non so progredire oltre nel
ragionamento, ma immagino che poter centralizzare gli acquisti di
iniettori (solo per fare un esempio), avrà consentito di spuntare prezzi
migliori. Ragionamento che forse non giustifica il prezzo (elevato)
pagato, ma che ha una sua validità. Per non parlare dell'ovvio
ragionamento di spartirsi fette diverse di mercato, subendo in misura
minore la pressione competitiva, con il risultato di poter vendere a
prezzi migliori i propri prodotti.

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Gli italiani e le automobili | Tutti i gruppi | it.discussioni.auto | Notizie e discussioni auto | Auto Mobile | Servizio di consultazione news.